COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DIRETTIVO

PRESIDENTE

VICE PRESIDENTE

TESORIERE

CONSIGLIERE

CONSIGLIERE

CONSIGLIERE

CONSIGLIERE

GASPARI GIULINA

FANELLI MAURIZIO

FRATTINI FIAMMETTA

MENEGAZ SERENELLA

GRACIGLIONI LAIALA

PIZZIGATTI ROSANNA

GHERARDI ROBERTO


Il Consiglio Direttivo ha tutte le facoltà ed i poteri necessari per il conseguimento dei fini dell’Associazione e per la gestione dell’Associazione stessa che non siano, dalla legge o dallo statuto, espressamente riservati all’Assemblea. Tra le altre cose il Consiglio Direttivo provvede a: • delegare e/o affidare alcune specifiche funzioni o incarichi al Presidente, ai Consiglieri, ai Soci od anche a terzi, determinando i limiti di tale delega; • predisporre il Bilancio Preventivo corredato dal programma di attività ed il rendiconto consuntivo, corredato di nota integrativa e di apposita relazione sull’attività svolta durante l’anno precedente di esercizio, da sottoporre all’approvazione dell’Assemblea; • conferire procure “ad negotia”, determinando i limiti temporali e di spesa; • istituire, all’occorrenza, commissioni di lavoro per lo svolgimento dei fini sociali e per lo sviluppo di specifici programmi; • eleggere i Coordinatori delle Commissioni di lavoro; • deliberare in materia di personale, assunzioni o licenziamenti del personale dipendente, fissando le loro retribuzioni e mansioni nel rispetto delle norme vigenti in materia. Il Consiglio Direttivo è composto da un minimo da 7 membri , tra i quali il Presidente: i membri del consiglio Direttivo durano in carica tre anni e sono rieleggibili. I membri eletti hanno diritto ad un solo voto e non è ammesso il voto per delega o corrispondenza. Le riunioni del Consiglio Direttivo sono convocate dal Presidente, di sua iniziativa o su richiesta di almeno un terzo dei consiglieri in carica. Le convocazioni del Consiglio Direttivo sono effettuate a mezzo lettera raccomandata o altra comunicazione equipollente legalmente valida, da inviarsi ai consiglieri almeno 5 giorni prima della data fissata per l’adunanza, con l’indicazione degli argomenti da trattare, del luogo e della data in cui si terrà la riunione.Solo nei casi urgenti è ammessa la convocazione telefonica da farsi almeno 24 ore prima della riunione. Il Consiglio è validamente costituito con la presenza di almeno la metà più uno dei suoi componenti in carica e le sue deliberazioni sono assunte con il voto favorevole della maggioranza deiconsiglieri presenti (in caso di parità prevale il voto del Presidente).